paskampo

Nome? "Semplicemente “Campo” per gli amici".
Età? "Vent’anni di gavetta, ma non li dimostro".
E poi? "Poi lavorando al Corriere dello Sport ho scoperto la cessione del Milan di Berlusconi ai cinesi…"
Il complimento professionale più bello? “Pasquale Campopiano è un fuoriclasse della notizia” (Xavier Jacobelli)
Il tuo motto? "Avanti. Sempre"
Da grande che farai? "Aprirò un’edicola vista mare"
Rimpianti? "Quando c'era una palla da calciare...l'ho fatto"

5 commenti

  • Riky Nova 2 anni ago

    Ottimo lavoro Pask, come sempre. Curioso che molti giornali abbiano definito Berlusconi “furioso”, quando è praticamente l’esatto contrario, come attestato – ancor prima da questo ottimo articoli e da altri usciti questa mattina su alcune testate – dai fatti, visto che la trattativa Fininvest Ses sta proseguendo.
    Altra nota curiosa è che se fino a ieri abbiamo sempre atteso le caparre, ora invece dobbiamo fare il tifo affinché non arrivino gli 80 milioni, in modo tale da poter chiudere questa vicenda del closing nel giro di una ventina di giorni- un mese.

    Comunque agli amici tifosi rossoneri, consiglio una cosa: armarsi fortemente di pazienza e non solo per l’esito della vicenda.

    Il Milan di Berlusconi ha avuto sempre un principale punto di forza: il grande potere mediatico. Una volta attaccare il Milan con un articolo, significava attaccare Silvio Berlusconi, che per 25 anni – da presidente del Consiglio o capo dell’opposizione – è stato uno dei personaggi più importanti e influenti di Italia. Adesso siamo prigionieri di uno stillicidio di notizie, rumors, illazioni, opinioni che ogni giorno ci inquina il sangue, quando basterebbe fare una cosa semplice: guardare i fatti e abbeverarsi alle fonti che, pur magari facendo degli errori, hanno una certa linea non improntata alla distruzione e a disfattismo. E’ il vero contrappasso del tifoso milanista. Non passare dai trionfi in Europa alla mediocrità attuale, sotto la stessa dirigenza; ma essere al centro dei rumors, delle illazioni ecc.

  • Ciro 2 anni ago

    Complimenti,finalmente un editoriale che c’entra il punto. Berlusconi vuole vendere il prima possibile , punto e stop. Naturalmente sarebbe bello chiedergli della famosa dichiarazione * vendo a acquirenti seri per garantire il futuro del milan” . Ma veramente ormai penso che non c’e nessuno ormai che crede alle parole di Berlusconi, eccetto i pretoriani a libro paga ( ordine,suma,pelegatti.pagni.fedele e altri che mi scorsi il nome) . Campopiano ti lascio fuori da questa pletora,in quanto ultimamente stai avendo un atteggiamento serio e critico verso Berlusconi/fininvest

  • Ciro 2 anni ago

    Il punto non e’ chiudere il closing, ma perché procedere nella trattativa con Li se e’ evidentissimo che non ha le basi per prendere una società come il milan?
    Esempio 1 luglio 2017 Lichiama Cairo , ti do 100 milioni per Belotti – C:0k va bene-Li: ci vediamo il 30 agosto per la chiusura adesso ti anticipo 20 -C:ok
    30 agosto
    Li: guarda che non ho i soldi , ti do altro 10 milioni chiudiamo a gennaio: Cairo: va bene ci vediamo a gennaio 2018. Cosi via fino all’estate del 2030 quando Belotti a 37 anni…Questo che ho scritto e’un paradosso ma rende l’idea di cosa potrà essere il milan nelle mani DI questo Broker avventuriero

  • Riky Nova 2 anni ago

    Ciro, ragionamento inappuntabile, ma credo che – per quanto sia un pirata, uno sprovveduto o un folle – Li non acquisti il Milan per farlo marcire lì o farlo fallire…Pasquale ha spesso sottolineato che molti capitali saranno “due to closing”, arriveranno cioè con il closing. Poi che la Cina abbia deciso di chiudere a doppia mandata ogni cassaforte…possibilissimo. Però Li avrebbe già rinunciato a prendere il Milan, limitandosi alla battaglia legale con Fininvest per riavere indietro i 200 milioni versati.

  • Ciro 2 anni ago

    Caro Riki, i broker per natura intrinseca sono dei pirati,quelli cinesi ancor di più, c’e’ una bella intervista di Forchielli che lo spiega molto bene. Sicuramente Li e’ partito con tutte le buone intenzioni nel cercare di fare l’affare della vita. Il problema non e’Li che appurato e’inadeguato, il problema e’Berlusconi/Fininvestsi quali non frega nulla del milan e vogliono disfarsene il prima possibile , a chi va va, non interessa.

Lascia un commento